mercoledì 14 agosto 2013

Lazarillo de Tormes, il primo dei picari

Pubblicato anonimo nel 1554 e tutt'ora non ascrivibile alla penna di un autore, il breve testo La vita di Lazarillo de Tormes e delle sue fortune e avversità è considerato il capostipite del romanzo picaresco, ovvero di quel particolare genere di narrativa che si diffonde nella seconda metà del XVI secolo e che ha la sua massima fioritura nel XVII, con la pubblicazione del Don Chisciotte di Cervantes (1605). Caratteristiche del romanzo picaresco sono l'adozione della prospettiva dell'autobiografia e il susseguirsi di avventure all'insegna della mediocrità, della bassezza, della disonestà e dell'immoralità.

I picari, dunque, sono personaggi senza particolari qualità, antieroi provenienti dagli strati sociali più poveri; tentano di vivere alla giornata, senza disdegnare di ricorrere a furti e inganni. Non si possono tuttavia tacciare di malvagità, perché il loro comportamento è la conseguenza della necessità di adeguamento ad un mondo crudele, che non guarda in faccia nessuno e in cui non viene regalata una sola briciola di pane. Manca infatti, in questa narrazione, condotta con toni amari e sarcastici, qualsiasi presa di posizione morale.
In questo senso, Lazarillo può far risalire i propri modelli comportamentali ai protagonisti dell'unico romanzo latino di cui ci rimanga traccia, il Satyricon di Petronio (I sec. d.C.), i cui protagonisti, Encolpio, Gitone, Ascilto ed Eumolpo passano attraverso una serie di vicissitudini sopravvivendo proprio grazie alla frode e ai sotterfugi più subdoli e disinibiti. Anche in questo testo non si avverte il giudizio dell'autore che, sebbene non sia del tutto sconosciuto, non è una personalità chiaramente identificabile: Petronius Arbiter, il cui nome si lega al manoscritto che ha tramandato il testo, non è con totale certezza il Petronius arbiter elegantiae ('maestro di eleganza') che Tacito descrive come membro della corte di Nerone suicidatosi per sfuggire alla condanna di questi; ci sono, tuttavia, molti elementi che lo fanno pensare.

Lazarillo racconta la sua storia in forma epistolare (scrive infatti ad un ecclesiastico), scandendola in sette capitoli che corrispondono a momenti di servizio presso sette padroni diversi: un mendicante cieco, un prete avaro, uno scudiero in miseria, un frate che vende false bolle papali, un cappellano, un alguacil e un arciprete al quale deve la sua ultima sistemazione e un matrimonio su cui aleggiano diversi pettegolezzi. Con candore, senza vergogna e senza timore di giudizio, Lazarillo ci mette al corrente di tutto quanto ha fatto per poter sopravvivere, dagli astuti furti di cibo al mendicante cieco che lo teneva alla fame, alla tacita collaborazione nel piazzamento delle false bolle di indulgenza, dall'occupazione abusiva della casa di un morto, alle rocambolesche fughe da folle inferocite dalle imprese dei suoi padroni.
Nel prologo Lazarillo ci informa che la messa per iscritto delle sue memorie muove dalla convinzione che vi sia qualcuno che possa trarne svago e divertimento. Nonostante si rivolga ad un uomo di chiesa, non fa alcun cenno al pentimento per le azioni disoneste che ha compiuto perché, come già detto, non c'è alcun intento di denuncia né di autoanalisi, così come non v'era censura o forma di condanna nelle pagine di Petronio.
Si intuisce, tuttavia, che l'autore di Lazarillo de Tormes, così come il suo precedente latino, ha una cultura molto vasta. Dobbiamo pensare, pertanto, che allo scopo primario e universale del diletto e dell'intrattenimento, in questo romanzo, al pari del Satyricon, si insinui un messaggio più elitario, collocato ad un livello profondo, che implica non un giudizio di biasimo per gli sfortunati picari, ma, piuttosto, una riflessione sulla società che li costringe ad essere tali.
Lazarillo de Tormes è un libricino agile e molto breve, scritto con brio e pieno di toni e situazioni che ricordano alcuni passi delle divertenti avventure boccacciane. Lo consiglio per il suo valore storico, per la possibilità di illuminare molti personaggi della letteratura mondiale successiva, da Manon Lescaut a certi risvolti del nostro Renzo Tramaglino, ma anche solo per trascorrere una piacevole ora di svago.
«Così vanno le cose a questo mondo; e io, che confesso di non essere più santo dei miei compaesani, questa cosetta da nulla, scritta, come vedete, in uno stile davvero grossolano, non mi dispiacerà se la conosceranno e ne ci si divertiranno tutti quelli che ci piglieranno gusto, e così vedranno che un uomo può vivere in mezzo a tante avventure, pericoli e avversità.»
C.M.

9 commenti:

  1. Non ho ancora potuto leggerlo, ma posso dire di conoscerlo abbastanza, grazie ad un robusto studio sulla letteratura picaresca in Europa fatta al liceo. Lazarillo veniva citato moltissimo, ogni volta che si prendeva in esame la letteratura inglese del Settecento, quando cominciavano a farsi sentire i nomi di Defoe, Fielding, Richardson e gli scrittori disprezzati di Fleet Street. Devo dire che mi sembra molto moderno, come approccio. Il picaro vive di espedienti e furbizie, senza rimorsi o vergogne "buoniste". Il suo interesse principale è sopravvivere nel migliore dei modi in un mondo in cui spesso si è "come vasi di coccio in mezzo a vasi di ferro". Una parte di noi esseri umani vive ancora così, anche nell'era di Internet e degli IPhone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fai venire in mente che il nostro Don Abbondio non è in effetti molto diverso da lui, eccezion fatta per la totale mancanza di umiltà: gli inganni del prete non derivano dalla sua stessa iniziativa, ma si fanno scudo della forza di una posizione sociale, così come per il vile Azzeccagarbugli.
      Spesso Lazarillo si trova ad essere in realtà un vaso di coccio in mezzo ad altri di coccio, perché lo scudiero per cui presta servizio è forse più picaro di lui (e quello che lo riguarda è l'unico capitolo che ho goduto senza amarezze)! Ma una sorta di antecedente dello spagnolo è anche l'Andreuccio da Perugia che accetta di collaborare con i tombaroli per rubare l'anello del vescovo...

      Elimina
  2. Letto ai tempi dell'università, in effetti è uno dei libri più provocatori che mi sia capitato. Racconta l'altra faccia della Spagna imperiale, la grande potenza che domina mezzo mondo eppure soffre di una tremenda miseria materiale e morale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco perché sono una sostenitrice dello studio della storia attraverso i romanzi (oltre che a fonti scientifiche): spesso lo sguardo el narratore coglie aspetti del passato che non emergono nei manuali, soprattutto quadri sociali o conseguenze dei grandi eventi politico-militari...

      Elimina
  3. Ho visto il film! :D
    I picari di Monicelli, mi diverto sempre a rivederlo. Soprattutto i personaggi secondari, come il mendicante e il nobile decaduto. Non so quanto sia fedele al libro, ma è più o meno la mia idea di "picaresco".

    (Psst... anche Le Metamorfosi di Apuleio è sopravvissuto, per fortuna!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante questa notizia sul film, dovrò vederlo! :)
      Hai ragione su Apuleio, mentre scrivevo l'avevo dimenticato, forse perché continuo ad associarlo all'originale greco cui si ispira e lo faccio passare ingiustamente in secondo piano!

      Elimina
    2. ...ho visto anch'io quel film, bellissimo! :-D

      Elimina
  4. Finalmente mi si chiariscono le idee sul genere picaresco che non avevo ancora ben capito perché mai chiaramente affrontato! :o

    Le ascendenze picaresche nel manzoniano effettivamente sono più chiare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che il post ti sia stato utile: in effetti 'picaresco' è un termine spesso evocato, ma mai nessuno si prende la briga di spiegarlo a scuola!

      Elimina

La tua opinione è importante: condividila!