mercoledì 12 marzo 2014

Mondi di carta: Justin Rowe

I libri prendono vita, e non solo nella fantasia di coloro che li leggono, ma anche fra le mani di un libraio decisamente fuori dal comune. Sto parlando di Justin Rowe, le cui sculture di carta sono fra le immagini che maggiormente affascinano gli adoratori della carta stampata, gli sniffatori di libri, i feticisti della letteratura: insomma, tutti coloro che si lasciano incantare dal magico mondo dei volumi cartacei!

Hopeful had much ado to keep his brother's head above water

Conseguita la laurea alla Scuola d'arte di Norwich nel 1998 e assunto come libraio alla Cambridge University Press, Rowe iniziò quasi per caso a creare i suoi capolavori di carta. Gli era stato chiesto di allestire un'originale vetrina natalizia e l'idea che gli venne in mente fu proprio quella di tagliare e modellare le pagine dei libri per creare dei mondi fantastici attingendo direttamente dalla propria fantasia.

Still no soul appeared upon her decks

Three Bears

I suoi capolavori, raccolti all'interno di Days fall like leaves, il sito ufficiale, muovono tutti da quell'originale idea di arredo commerciale e si ispirano a serie di bozzetti natalizi e di avventure tratte dagli stessi romanzi oggetto dell'originale trattamento: vascelli, eroi, foreste, case si staccano dalla superficie piana dei volumi e ci spalancano orizzonti ricchi di avventure e serenità.

Love's bright dream

Jodi Picoult

Che si tratti di sollevare figurazioni essenziali come quella di Love's bright dream o di trasformare un foglio nelle onde dell'oceano (Still no soul appeared upon her decks, Midwinter Lighthouse o The Kraken), che debba creare le case illuminate dalle lanterne di Three Bears e di What Katy did in the woodshed o che decida di introdurre forti macchie di colore come fa solo con il rosso del mantello di Little Red, a Justin Rowe bastano un bisturi e una buona dose del suo smisurato talento per dare tridimensionalità alle storie, per realizzare materialmente ciò che avviene nella mente di ogni lettore quando sogna scorrendo le parole sulla pagina... e se questa fantasia non produce arte, di cos'altro stiamo parlando?

Little Red

The Kraken

Conoscevate già Justin Rowe o magari avevate già ammirato alcune delle sue sculture senza sapere chi ne fosse il creatore? Quale dei suoi lavori preferite?

C.M.

8 commenti:

  1. http://centauraumanista.wordpress.com/2014/01/27/il-riccio-libro/

    Che meraviglia!!! Mi ero imbattuta in opere simili mentre cercavo informazioni per scrivere un post su come realizzare un riccio-libro. Si tratta di un simpatico origami che viene realizzato piegando le pagine di un libro a forma di riccio.

    I libri sono affascinanti non soltanto per il loro contenuto, ma anche per la loro forma fisica. Soltanto un "feticista" può comprenderlo e queste piccole opere d'arte sono un modo simpatico e originale per esaltare il libro-oggetto. Un po' mi spiace per il libro-contenuto, perché un libro piegato e tagliuzzato non può più essere letto. Per questo io utilizzo solamente vecchie agente, codici civili troppo datati o altri libri che hanno perso utilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, il rapporto ideale e colloquiale con il libro è, non di rado, anche un rapporto fisico con le sue pagine, con le copertine, soprattutto quando si tratta dei volumoni con copertine rigide, magari un po'datati, col classico profumo della carta ingiallita: il merito di Rowe sta proprio nell'aver esaltato questo aspetto, e sono pronta a scommettere che la sua vetrina natalizia ha attratto parecchi clienti!

      Ricordo benissimo il riccio libro, una creazione davvero carina e che ti invidio tantissimo, soprattutto in virtù della mia scarsissima manualità! :)

      Elimina
  2. La seconda opera è tratta da Treasure Island, non può che essere la mia preferita! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I romanzi di avventure per mare devono affascinarlo molto, ho vito anche una scultura su Robison Crusoe e, in generale, molte altre in cui le pagine sono piegate a forma di onde: credo che siano quelle più affascinanti, e non escludo che il merito sia anche da attribuire ai testi cui si ispirano! :)

      Elimina
  3. Che meraviglia! sono tutti bellissimi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, infatti ho perso un intero pomeriggio ad ammirarli!

      Elimina
  4. Non lo conoscevo, che spettacolo! ;-)

    RispondiElimina

La tua opinione è importante: condividila!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...