Post

Tre letture in quarantena ovvero un inaspettato filo rosso fra storie molto diverse

Non è la prima volta che passa tanto tempo fra un aggiornamento del blog e il successivo, ma finora non mi era mai successo di abbandonare anche l'attività sui social collegati, invece quest'anno per ben venti giorni non ho proprio toccato gli spazi di questo mio angolo virtuale. Si potrebbe pensare che nessuna situazione più della surreale sospensione di quotidianità che abbiamo vissuto da marzo alla metà di maggio sarebbe stata più adatta a ritagliare del tempo da trascorrere in rete, eppure io ho provato quasi un senso di repulsione per il web, da un lato perché le numerose ore trascorse a lavorare al pc mi hanno fisicamente e mentalmente stancata e quindi sedermi alla scrivania anche solo per produrre un post diventava un sacrificio, dall'altro perché ogni volta che accedevo a Twitter, Facebook o anche solo alla home page del browser finivo per trovarmi davanti polemiche, disfattismo, lamentele, bufale e sciocchezze varie. E poi c'è quello strano fenomeno che, a qu…

La ragazza del Kyūshū - Seichō Matsumoto

La canzone di Achille - Madeline Miller

Il velo dipinto - William Somerset Maugham

Zia Mame - Patrick Dennis